Turku, la guida completa alla città dell’Arcipelago della Finlandia

Guida Turku

Turku è una delle città più importanti della Finlandia. Si trova a Sud Ovest, nella zona dell’Arcipelago, ed è circondata dal mare: rappresentativa della Finlandia medievale, di cui è stata capitale fino al 1812, oggi Turku è una città moderna, semplice da girare a piedi, tappa necessaria per visitare le isole dell’arcipelago. Una cittadina piccola ma vivace, considerata la capitale enogastronomica della Finlandia per via della ricchezza di prodotti locali e della presenza di una nuova generazione di chef e estimatori che mettono l’esaltazione del prodotto al primo posto. In questa guida, ti spiego cosa fare, vedere e mangiare a Turku: il mio consiglio è di restare almeno 3 giorni così da avere il tempo di assaporare per bene la sua atmosfera e lasciarsi contagiare.

Come arrivare a Turku

Turku è servita da treni giornalieri che partono da Helsinki e impiegano circa 2 ore per arrivare a destinazione; la stessa distanza e copertura viene offerta a chi si sposta da o verso Tampere. Voli interni servono l’aeroporto di Turku da Helsinki e da altre destinazioni in Finlandia. Si può raggiungere Turku anche in macchina se si sta girando la Finlandia in un on the road che comprende anche la zona dell’Arcipelago. Io ho volato su Helsinki con Finnair e poi mi sono spostata a Turku in treno, leggi di più qui.

Dormire a Turku

In Finlandia e Turku si possono trovare facilmente bed and breakfast o appartamenti ma non mancano hotel per tutte le tasche. Io ho soggiornato al Radisson Blu Marina Palace Hotel, centralissimo sul lungofiume Aura: camere ampie e silenziose, colazione inclusa, posizione ottima. Prezzi variabili in base al periodo con offerte ricorrenti. Ti consiglio di dare un’occhiata a Booking per trovare la migliore offerta sul Radisson e su altre strutture in zona.

Da vedere a Turku

Turku si gira facilmente in una giornata, senza fare le cose di fretta. La città è divisa in due dal fiume Aura sulle cui sponde in estate si riversa la maggioranza della vita sociale di Turku. Sulla sponda Est del fiume si può visitare la Cattedrale di Turku, il quartiere universitario, la città vecchia con l’unica strada di sampietrini ancora in piedi, il museo Aboa Vetus & Ars Nova dove sono custoditi i resti dell’antica Turku, spazzata via del tutto da un incendio nel 1800.

Turku primavera

 

La riva Est è collegata alla Ovest da una serie di ponti e da un traghetto gratuito, per i più pigri; a Ovest si trovano il Castello con la sua vista sulla Baia, il centro marittimo Forum Marinum, il Museo d’arte, il mercato coperto Kauppahalli e tutta una serie di locali dove mangiare e bere, da mattina a sera.

In primavera ed estate il fiume Aurajoki si veste letteralmente a festa, con le navi-ristorante/bar che si aprono per accogliere la stagione calda e le navi elettriche di Låna che possono essere affittate per organizzare un picnic e solcare il fiume.

E per una gita fuori porta, a base di barbecue e relax, ma senza necessariamente spostarti troppo ti consiglio di raggiungere Ruissalo Island: vicinissima a Turku, è famosa per le sue spiagge, la sua calma e la sua natura.
Al Ruissalo Spa hotel puoi fermarti per bere o mangiare qualcosa, per un barbecue oppure in estate per un bagno.

Ruissalo Turku

Mangiare a Turku: cosa e dove

Scrivere dell’offerta enogastronomica di Turku riducendola ad un elenco di nomi ed indirizzi sminuisce il valore di questa città che a buon diritto è stata dichiarata Capitale enogastronomica della Finlandia. L’offerta è davvero vasta e soddisfa tutte le esigenze quindi questi sono solo alcuni degli indirizzi che ti consiglio di segnarti, fermo restando che è davvero difficile trovare un posto dove si mangia male.

Kakolanruusu è uno dei ristoranti più interessanti di Turku: si trova sulla collina di Kakola (Kakola Hill), all’interno di quella che era l’ex prigione, oggi riconvertita in uno spazio multiforme fatto di appartamenti, una birreria artigianale, una pasticceria e ben presto anche una SPA di primo livello. I proprietari di Kakolanruusu sono gli stessi del già famoso Kaskis: il menù in pairing con i vini è decisamente ottimo.

MKitchen & Café, dentro il museo Aboa Vetus & Ars Nova, è famoso per i suoi brunch e i pranzi: quando il tempo è bello, sedersi all’esterno è davvero piacevole. La parte dedicata alla pasticceria è gestita dalla pluripremiata MBakery, famosa in Finlandia e all’estero, e creatrice della torta ufficiale di Turku a base di cioccolata e more, uno dei prodotti più amati della zona.

NOOA, con la sua location sulla riva Ovest del fiume, è uno dei posti preferiti dalla gente del luogo: si mangia (molto bene) ma ci si può anche fermare solo per bere qualcosa. La cucina a vista è il plus del locale.

Kauppahalli, il mercato coperto, è quello che ci si aspetta da un mercato classico, solo che tutto è perfettamente organizzato e ordinato: circa 50 banchi locali dove si possono assaggiare specialità del luogo tra cui formaggio, ma anche dolci, pesce e carne. Si crede sia ideale per una sosta veloce ma in realtà ci si può tranquillamente fermare per un pasto completo, dall’antipasto al dolce.

Café Art è il posto ideale per sorseggiare un caffè e mangiare una korvapuusti (brioche alla cannella) o una voisilmäpulla (brioche al cardamomo con cuore di burro e zucchero).

Per permettere a tutti i visitatori (ma anche alla gente del posto!) di godere al massimo dell’offerta enogastronomica della città è disponibile la Turku Food Walk Card: valida 3 giorni dalla data di primo utilizzo, consente di scegliere 5 dei 10 ristoranti che hanno aderito e fermarsi per uno stop in ciascuno di essi per mangiare qualcosa. Al prezzo di 44 euro (prezzo 2018, drinks non inclusi), l’esperienza è davvero piacevole.

Se vuoi assaggiare i sapori del luogo, ti consiglio le già citate korvapuusti e voisilmäpulla, il ruisleipä (pane di segale), il karjalanpiirakka (pane nero che racchiude porridge di riso), omenalörtsy (frittelle di mele), grillimakkara (salsicce da arrostire sul fuoco). Capitolo a parte per quel che riguarda il salmiakki, la tipica liquirizia norvegese leggermente salata che rende letteralmente dipendenti. Trovi un approfondimento sulla cucina finlandese cliccando qui.

 

[Questa guida su Turku è il risultato di un viaggio organizzato da Visit Turku e supportata dalla compagnia aerea finlandese Finnair. Tutte le foto sono state scattate, come al solito, da Giuseppe]