Baiersbronn, la Foresta Nera per chi ama la buona cucina

Baiersbronn Germania

Quando si parla di Foresta Nera, è raro sentire associare questa zona alla buona cucina; si pensa infatti di solito alla natura selvaggia e maestosa e alle terme. In realtà è proprio in un’area della Foresta Nera, il Baiersbronn, che si concentra la maggior parte dei ristoranti stellati della Germania. Un’area da inserire nella propria wish list se si è amanti della cucina e se, come capita a me, si viaggia per scoprire il cibo. In questa guida enogastronomica ti porto alla scoperta della regione del Baiersbronn, per farti venire voglia di partire (e magari anche l’acquolina in bocca).

Tutto sul Baiersbronn

Il Baiersbronn è un distretto che si trova nella regione di Baden-Württemberg, zona sudovest della Germania considerata la più soleggiata dell’intero Paese. Non è un caso che in questa zona si concentrino produzioni vitivinicole e pascoli ed è anche per questo motivo che il cibo è uno degli elementi chiave per la sopravvivenza della popolazione, sia a livello turistico che non.

Si divide in 9 distretti, che si snodano tutti all’interno della Foresta Nera e lambiscono il Parco Nazionale, completamente inaccessibile alle auto:

  1. Baiersbronn
  2. Friedrichstal
  3. Huzenbach
  4. Klosterreichenbach
  5. Mitteltal
  6. Obertal
  7. Röt-Schönegründ
  8. Schönmünzach-Schwarzenberg
  9. Tonbach

Non è difficile, dunque, ritrovarsi nel bel mezzo di aree che letteralmente finiscono, si interrompono e non possono essere oltrepassate in macchina proprio perché situate dentro il Parco Nazionale della Foresta Nera.

Il Baiersbronn delle Stelle Michelin

Conosciuto per essere il centro dell’enogastronomia della Germania, il Baden-Württemberg è riconosciuto anche a livello internazionale per il suo cibo e la sua offerta enogastronomica. Nello specifico, sono i ristoranti Michelin a fare la differenza: da sola, la cittadina di Baiersbronn con 8 stelle Michelin è la città con più ristoranti stellati della Germania. La particolarità degli stellati di questa zona è l’aver scelto di puntare tutto sulla produzione locale e sulla valorizzazione del territorio: il 2 stelle Schlossberg, all’interno del Sackmann Hotel, è la dimostrazione evidente di ciò. Jörg Sackmann, head chef allo Schlossberg, propone solo piatti con ingredienti locali, per la maggior parte raccolti giornalmente dal figlio Nico nella foresta dietro il ristorante. Quindi nel menù trovi sempre almeno un’erba selvatica, abbinata ad un dolce oppure ad un pezzo di carne o al formaggio. L’idea alla base della cucina dei Sackmann riflette esattamente lo stile di vita di questa zona della Germania: ricavare il massimo possibile dalla terra, valorizzandola per tenere vive le tradizioni. Ed è proprio la tradizione che guida l’offerta culinaria di tutti i ristoranti stellati del Baiersbronn.

Schlossberg Baiersbronn

 

Schlossberg Baiersbronn

 

Schlossberg Baiersbronn

Schlossberg Baiersbronn

Il Baiersbronn non stellato

Non è un caso se questa parte del Baden-Württemberg sia scelta da coloro che vogliono rilassarsi a contatto con la natura ma anche mangiare bene. E non è detto che bisogna scegliere un ristorante stellato per mangiare bene da queste parti. Basta fermarsi in una delle tante trattorie per assaporare la bontà di una cucina locale che va oltre i classici bretzel e salsicce; per esempio, da Seidtenhof, graziosa locanda dalla quale si guarda tutta la valle e la Foresta, si può assaggiare il gelato all’abete, una delle piante tipiche della Foresta Nera e il gelato al miele di bosco, tutto prodotto con il latte munto nella fattoria adiacente e magari accompagnato dalle fragole e dai frutti di bosco che crescono proprio in questa area. Oppure al Forellenhof Buhlbach si può mangiare trota allevata direttamente nella fattoria, circondati dalla Foresta Nera che proprio in questa zona si trasforma in Parco Nazionale Protetto.

Food Baiersbronn

 

Food Baiersbronn

 

Food Baiersbronn

 

Food Baiersbronn

 

Black Forest Cake

Altre esperienze enogastronomiche imperdibili nel Baiersbronn

Ma non è solo l’esperienza a tavola che nel Baiersbronn diventa gourmet perché sono tante e diversificate le offerte per chi il cibo locale vuole imparare a conoscerlo e ad apprezzarlo: per esempio Christine Bissell, inglese trapiantata nel Baiersbronn, organizza passeggiate dentro la Foresta Nera (il Kräuterwanderung tour) durante le quali insegna ai visitatori (ma anche alle gente del luogo) come riconoscere le erbe commestibili ed utilizzarle in cucina.

Baiersbronn food hiking

 

Baiersbronn food hiking

E mentre si cammina dentro la Foresta Nera non è raro trovare delle vere e proprie fontane dove i volontari della zona lasciano delle bottiglie di vino a disposizione dei camminatori: ti basta lasciare 1 euro per un bicchiere di vino da sorseggiare guardando lo splendido panorama che ti circonda.

Baiersbronn wine

Proprio grazie a tour e ad offerte come queste che si riesce a comprendere ancora di più la vocazione enogastronomica del Baiersbronn: una piccola comunità di circa 15.000 persone che con il tempo, partendo dai monaci che qui si stabilirono secoli fa, ha saputo (e ancora sa) bastare a sé stessa, dando vita ad un vero e proprio paradiso dove il turismo non è di massa ma ben selezionato per età ed interessi.

Dove dormire nel Baiersbronn

L’offerta turistica del Baiersbronn rispecchia perfettamente l’ambiente circostante: non esistono catene di hotel, non esistono multinazionali del turismo, ma tutto viene gestito a livello famigliare proprio per tenere salde le tradizioni e trasferirle. L’Hotel Sackmann, lo stesso dove è situato il ristorante stellato Schlossberg, è tutto a conduzione familiare: la famiglia Sackmann gestisce e lavora giornalmente nella struttura che offre camere in perfetto stile tedesco con una vista impagabile sulla Foresta Nera e un’attenzione ai piccoli dettagli che fanno la differenza. Qualche esempio? A colazione gli ospiti hanno a disposizione una vera e propria area dedicata alle marmellate preparate in cucina con la frutta della zona. Oppure, per tutti i clienti dell’hotel è disponibile un attrezzato centro benessere con piscina, saune, bagno turco e sale massaggi e tutto è accomunato da un unico filo conduttore: la Foresta Nera, i suoi sapori, i suoi colori e i suoi odori. O ancora, il WiFi c’è ma funziona lo stretto indispensabile proprio perché in questa area della Germania si viene per staccare la spina, per riposarsi, per stare bene e per dimenticarsi di tutto.

Baiersbronn Hotel Sackmann

Come arrivare nel Baiersbronn

Il Baiersbronn e tutta l’area del Baden-Württemberg è raggiungibile dall’aeroporto di Stoccarda in poco meno di 2 ore di macchina. Puoi raggiungere la parte sud della Germania dall’Italia anche in auto o treno.

Quando visitare il Baiersbronn

Non esiste un periodo migliore per visitare il Baiersbronn perché in ogni stagione l’offerta cambia. La primavera e l’estate sono le stagioni ideali per chi ama passeggiare e vivere al meglio la natura circostante. L’autunno e l’inverno sono ideali per chi vuole riposarsi e godere al massimo delle strutture turistiche e dell’accoglienza di queste zone.

Baiersbronn

Quanto tempo soggiornare nel Baiersbronn

Il tempo da quantificare per visitare il Baiersbronn è davvero soggettivo: chi ama la natura, il relax e la buona cucina non faticherà a restare una settimana, chi preferisce girare e visitare più zone può fermarsi per un paio di giorni. Un ottimo compromesso è 2-3 giorni nel Baiersbronn e 2-3 giorni a Stoccarda, per vedere due facce della stessa regione.

[Tutte le foto di questo articolo sono state scattate da Giuseppe. L’esperienza è stata realizzata nell’ambito di un progetto con la regione del Baden-Württemberg per i mercati USA e UK. Tutte le opinioni e i suggerimenti sono personali e non influenzate dal rapporto lavorativo con la destinazione].