Barcellona, dove mangiare bene in centro

barcellona mercato

Barcellona è tra le mete enogastronomiche più interessanti in Europa e la vicinanza con l’Italia la rende appetibile per un salto durante il fine settimana. Mangiare a Barcellona è semplicissimo, non è costoso ed è possibile spaziare tra cucine di tutti i tipi: la classica spagnola, la catalana pura, la fusion. Ce n’è per tutti i gusti e, soprattutto, in abbondanza e per tutte le tasche. Sarebbe da presuntuosi pensare di poter elencare i migliori ristoranti di Barcellona proprio per l’estrema varietà e le continue aperture e chiusure ma vi segnalo i posti che piacciono a me, quelli che ho amato e che quando torno in città frequento sempre.

Se volete mangiare bene a Barcellona, lontano dai circuiti turistici, vi raccomando Carrer d’Aribau: si trova vicinissima alla Plaza Catalunya, interseca l’Avinguda Diagonal ed è conosciuta come la strada gastronomica della città da parte dei suoi abitanti. Qua si trovano ristoranti tipici che propongono cucina locale, ristoranti tipici che rivisitano la cucina catalana, vinerie, bar dove mangiare tapas da favola spendendo poco e anche una delle scuole di cucina più quotate di Barcellona specialmente per quel che riguarda la pasticceria (vanto della città!).

POSTI DA PROVARE A BARCELLONA

Un posto che mi sento di raccomandare è il Cinc Sentits, altro posticino niente male dove mangiare cucina catalana leggermente rivisitata a prezzi che si aggirano sui 30-35 euro a persona vino escluso.

CIC Barcelona

Can Pineda è uno dei locali storici di Barcellona, aperto dal 1904: qui si cucina solo ed esclusivamente catalano e, anche se i prezzi non sono bassissimi, è un posto da provare per immergersi a fondo nella cultura locale.

barcellona pineda

Da Petit Comité si mangia catalano in uno spazio incredibilmente trendy: i piatti classici sono leggermente rivisitati all’insegna della contemporaneità ma gli ingredienti, elemento fondamentale della cucina catalana, sono tutti provenienti da fonti locali e certificate.

petit barcellona

Imperdibile El Sortidor de la Filomena Pagès, un ristorante catalano classicissimo guidato da chef giovani che hanno deciso di dare nuovo lustro ai piatti tipici. Prenotare è obbligatorio anche perché il posto è stato chiuso per qualche tempo e da quando ha riaperto è diventato un must in città.

sortidor barcellona

MANGIARE TIPICO SPENDENDO POCO A BARCELLONA

Più economici, rigorosamente catalani e decisamente poco turistici l’Euskal Etxea (Placeta Montcada 1-3), la Vinateria del Call, l’El pebrot i el petit cargol (C/ Alcolea, 18) per una cucina catalana in un ambiente giovane e semplice, il Can Culleretes con prezzi ottimi in uno dei locali più antichi di Barcellona e il famoso (e nonostante questo non inflazionato) 7 Portes dove mangiare paella cucinata ogni giorno in maniera diversa in base ai prodotti disponibili.

euscal

pebrot

can Barcelona

TAPAS BAR DI BARCELLONA DA SEGNARE IN AGENDA

Tra i tapas bar che vi consiglio ci sono Tasca i Vins, Nou Candanchu ed El Xampanyet. I tapas bar sono praticamente ovunque, la cosa migliore è scoprirli da soli senza affidarsi a nessuna guida evitando chiaramente le zone più turistiche.

tasca

IL POSTO DA PROVARE A BARCELLONA

Più lontano e considerato uno dei luoghi migliori dove mangiare si trova il Dos Cielos situato all’interno dell’hotel Me, uno dei più belli e lussuosi di Barcellona (io ho alloggiato qua): la location è pazzesca, praticamente si mangia in cielo, al 24esimo piano del grattacielo su un terrazzo coperto con vista su Barcellona. Gli chef Javier e Sergio Torres hanno ottenuto la prima stella Michelin nel 2016 e non a caso qui si mangia bene anche se l’ambiente per me è troppo freddo e distaccato.

Dos Cielos

MANGIARE AL MERCATO

Il mercato della Boqueria è il più famoso della città: è coperto, si trova sulla Rambla ed è per questo preso d’assalto da turisti provenienti da tutto il mondo. Qua si può mangiare ma la verità è che, comparato ad altri mercati, la Boqueria è più costoso ed è per questo che io evito di andare a mangiare lì. Lo considero un’attrazione spettacolare ma non mi fermo mai a mangiare.

Il Mercato Sant Antoni è il posto dove andare se volete mangiare bene e spendere poco: si trova sulla linea 2 della metropolitana, fermata Sant Antoni ed è aperto tutti i giorni da mattina a sera. In estate molti banchi, per via del caldo eccessivo, sono chiusi o lavorano a mezzo servizio ma quelli aperti propongono tapas, frutta e qualsiasi altro cibo a prezzi davvero davvero ottimi. Ah, Sant Antoni è un ottimo punto di osservazione della varietà dei personaggi che animano Barcellona.

frutta fresca

LA TINTORERIA DONTELL – CHIUSA

Una delle esperienze più interessanti a Barcellona era la Tintoreria Dontell chiusa però dal 2015. Non era chiaramente una lavanderia ma un ristorante nascosto dietro una lavanderia che fa parte del movimento del cibo clandestino di Barcellona. Era situata in Carrer d’Aribau e la vetrina esterna sembrava una vera lavanderia anche se, leggendo attentamente, si notava che le scritte relative alle promozioni non erano altro che codici per raccontare i menù e le promozioni. Anche il nome Dontell non era altro che Don’t Tell. Prenotare era una mezza specie di impresa anche se a pranzo si trovava più facilmente spazio e una volta suonato il campanello la gentilissima e simpaticissima Marta vi avrebbe condotti dietro le quinte passando per una tenda old-style oltre la quale si apriva un ristorante molto kitsch con interni grigio scuro, lilla e argento, cucina a vista e tanti tavoli con luci soffuse. Menù particolare e ottimo, tutto con prodotti della tradizione catalana leggermente rivisitati ed alternative celiache. Prezzo altino (eravamo sui 35 euro a persona per antipasto e primo piatto, vino escluso) ma vi assicuro che ne valeva la pena. Non mi capacito della chiusura.

tintoreria

[La prima versione di questo post risale al 2012. Il post è stato aggiornato ad aprile 2016 con l’aggiunta di informazioni aggiornate sulle chiusure]