Alimentazione corretta contro i tumori, parola di Lilt

cancro prevenzione

Vi voglio segnalare oggi un’iniziativa su cui penso valga la pena spendere almeno, e quando dico almeno intendo “come minimo”, due parole: la settimana nazionale per la prevenzione dei tumori. Il motivo per cui ne parlo qui è perchè per l’edizione 2011 di questa iniziativa la Lilt ha scelto come simbolo una bottiglia di olio extravergine di oliva per cercare di far capire a tutti quanto la dieta mediterranea sia importante per prevenire i tumori.

Secondo le statistiche, infatti, il 35% dei tumori è dovuto ad una cattiva alimentazione tanto che pare che eliminando le cattive abitudini a tavola e riducendo il fumo si potrebbero eliminare il 65% dei tumori.

La scelta dell’olio di oliva come simbolo della settimana della prevenzione è davvero significativa perchè l’olio di oliva è una fonte preziosa di trigliceridi, aumenta di 400 volte le difese immunitarie, è ricco di vitamina E, protegge dalle malattie cardiovascolari ed ha un effetto benefico sul sistema nervoso e sull’apparato osteoarticolare.

Quanto ai tumori, l’olio “buono” difende da alcuni tipi di tumori, soprattutto quello della mammella, dello stomaco, del colon-retto e della prostata, ma anche del cavo orale, della faringe e dell’esofago.

La dieta mediterranea è considerata corretta e utile nella prevenzione contro i tumori perchè bilancia perfettamente i vari componenti necessari al nostro organismo per stare bene secondo queste percentuali:
* proteine 15%;
* carboidrati 60%;
* lipidi 25%.

Quindi, per numeri, dati e statistiche ma anche per tutte le iniziative in Italia vi rimando al sito della Lilt; io invece, pur essendo assolutamente fatalista (e quindi teorica del geniale “se casca il mondo mi sposto” e dell’ancor più geniale “tanto prima o poi tutti dobbiamo mori’“), sono anche convinta che il buon cibo sia fondamentale per vivere bene. Quindi fate come volete ma pensate a voi stessi perchè se non lo fate da soli non ci sarà nessuno a farlo per voi 🙂

Postillina: questo post fa parte della rubrica “Rosanna Lambertucci, chi?” detta anche “Rosanna Lambertucci a noi” che si declina anche in “Michele Mirabella? Non so chi sia, onestamente” 🙂