Ricette pane: il Doris Grant loaf di Lorraine Pascale

Doris Grant loaf

Qualche giorno fa stavo guardando Baking Made Easy su BBC e sono rimasta affascinata da questa tipa, Lorraine Pascale, che panifica a morire e lo fa in maniera semplice, veloce e davvero sbrigativa. Al mo’ della Cuochina, in poche parole, solo che Lorraine è una ex modella e io stento davvero a credere che quello che cucina lo mangia anche vista la sua invidiabile linea e il capello sempre a posto 🙂 Fatto sta che mi sono divertita a ricreare la sua ricetta del Doris Grant loaf.

Dovete sapere che Doris Grant è stata una vera e propria pioniera del buon cibo e del vivere sano in Inghilterra (fa strano parecchio associare le parole vivere sano con Inghilterra ma vi assicuro che, vivendo in un Paese “gemello” ci si rende conto che l’attenzione per il cibo è maggiore rispetto a quel che si pensa e che la consapevolezza sta crescendo giorno dopo giorno) e che il pane di questa donna è diventato un vero must tanto perchè non va impastato ma gli ingredienti vanno semplicemente “melted”, amalgamati in pratica, in modo che non perdano le loro proprietà.

Io ho seguito pressochè alla lettera la ricetta di Lorraine Pascale la quale dice di averla seguita alla lettera da Doris Grant quindi se le equazioni tornano fate bene a credere che se la Grant la faceva perfetta e quella della Lorraine è ottima, quella della Cuochina è passabile 😀

Per preparare un panetto tipo filoncino ho utilizzato 175 grammi di farina bianca, 275 grammi di farina integrale, 1 cucchiaino di sale, 1 bustina di lievito disidratato, 1 cucchiaio di miele di acacia, 300 ml di acqua calda, olio vegetale e latte scremato.

Ho setacciato la farina in una ciotola dell’Ikea di quelle grandissime quindi ho aggiunto il sale e il lievito e praticato un buco al centro della farina versandoci il miele e l’acqua e ho semplicemente amalgamato tutti gli ingredienti con le mani fino a quando la pasta non è risultata liscia e morbida; ho poi formato una palla di pasta e l’ho ricoperta di carta trasparente unta con olio quindi ho lasciato lievitare per 1 ora e 10 minuti seguendo il consiglio di Lorraine, ovvero piazzando la palla vicino al forno acceso in modo che lievitasse più in fretta.

Passato il tempo richiesto per la lievitazione, ho sistemato l’impasto in un loaf pan di media grandezza (come questo, per farla breve) e ho inciso sulla superficie delle strisce con un coltello prima di spalmarla con del latte, aggiungendo della farina integrale a pioggia così da ricoprire tutta la base esterna.

Ho quindi messo in forno per 30 minuti a 200° e, una volta sfornato, ho lasciato raffreddare il pane su un panno di cotone asciutto.

Tempo di preparazione: 5 minuti per l’impasto + 1h10 per la lievitazione + 30 minuti per cottura

Risultato: la consistenza di questo pane è perfetta ma la Pascale consiglia di gettare 10 cubetti di ghiaccio nella parte inferiore del forno per fare in modo che l’impasto possa cuocere in maniera omogenea e siccome io non ho seguito il suo consiglio la parte esterna è risultata abbastanza biscottata. La foto rende bene l’idea perchè tagliandolo questo pane sistemato sul piatto sembra un insieme di fette biscottate 🙂 Il sapore, però, è decisamente ottimo complice anche la farina.

Variante: io ho utilizzato più farina integrale rispetto alla farina bianca perchè adoro il pane scuro ma la ricetta di base proposta da Lorraine Pascale prevede l’utilizzo di 225 grammi di farina bianca e 225 grammi di farina integrale.

Postillina: Lorraine Pascale sta diventando giorno dopo giorno uno dei miei miti e presto scoprirete perchè 🙂