Gastrologik, Stoccolma: mangiare stellato lasciando decidere la Natura

lobster

Quando vai a mangiare fuori c’è sempre l’incognita e la prima domanda che ti salta in testa è “mangerò bene?” seguita da “e se non mi piace niente?”. Immaginate andare a mangiare in un ristorante stellato, in un Paese diverso dal tuo dove la prima lingua non è neanche l’inglese. Ci pensi, ci ripensi, ti prepari e leggi ma alla fine anche i ristoranti stellati che sembrano tanto inaccessibili ti sanno stupire per la bellezza delle persone che li abitano: è il caso di Gastrologik, stellato di Stoccolma che è una vera e propria gemma nel cuore della città.

Sono stata da Jacob Holmström ed Anton Bjuhr qualche mese fa, mi hanno fatta accomodare al tavolo sociale, quello da dividere con altre persone per vivere un’esperienza davvero unica e sapete una cosa? Mi sono divertita, ho mangiato bene e tanto, ho bevuto e ho avuto la possibilità di essere parte di un vero e proprio spettacolo enogastronomico fatto non solo di cibo ma anche di storie.

La filosofia di Gastrologik è basilare ed essenziale: “Let Today’s Produce Decide” ovvero cuciniamo con gli ingredienti che passa il convento, che sono disponibili il giorno stesso in cui cuciniamo e facciamoci sorprendere dalla delicatezza delle cose semplici e delle cose che pensiamo essere scontate e banali. Il segreto di questa filosofia sta tutto nella scelta degli ingredienti che vengono scelti direttamente alla fonte, dai migliori fornitori locali e mai scandita dalle mode del momento quanto dai prodotti disponibili al momento.

Non a caso non esiste un menù ma quando ti siedi Jacob e Anton ti omaggiano di un cartoncino bianco con il nome del locale e all’interno uno spazio vuoto da riempire; solo il prezzo, con e senza vini abbinati dal sommelier, viene indicato così che, una volta che sei dentro, sai già quanto ti costerà la cena. Il menù della cena ti viene consegnato alla fine, giusto per ricordarti delle delizie che hai mangiato semmai la pancia e la testa facessero cilecca.

Per chi ha intolleranze o allergie particolari nessun problema, garantisce la sottoscritta alla quale è stato riservato un trattamento davvero speciale: piatti personalizzati che non si discostano da quelli di tutti gli altri ma vengono rivisitati in modo da offrire anche a chi ha esigenze diverse un’esperienza davvero unica.

In totale si mangia e si beve per circa 3 ore e ogni portata viene introdotta personalmente da Jacob o Anton che ne spiegano provenienza, modalità di preparazione e rispondono alle curiosità dei presenti in un’atmosfera davvero unica e familiare.

Non mi resta che far parlare qualche foto (scattata da Giuseppe, con le didascalie in inglese perché rendono meglio!) semmai le parole non vi avessero già convinti:

Potato crisps
Potato crisps with Swedish vinegar and spruce cream
patate
Potatoes with sour cream and herbs from Rosendal
quail egg
Quail egg marinated in homemade pea soy sauce
bread
Bread with homemade cream cheese and dried mushrooms
scallop
Raw scallop from Hitra with apple, fennel and browned butter
cod
Cod with whey and cabbage from Rosendal
renna
Reinder from Jokkmokk with root celery and malt cooked carrot
mela
3 ways of Aroma Apple
dolce
Sloeberries and honey from Norrby with ice cream of goat yogurt

Prezzi: da 1295 SEK vini esclusi. Accanto a Gastrologik si trova Speceriet, di proprietà dei due chef, un ambiente ancora più informale con un menù diverso e prezzi più bassi. Ricordate che la prenotazione da Speceriet non permette l’accesso da Gastrologik.

Gastrologik
Artillerigatan 14
114 51 Stoccolma (Svezia)
Tel. +46866230 60