Filetto di maiale in crosta di pane e pancetta

filetto pane pancetta

Sono da sempre una “ciccia-dipendente” nel senso che mangiare la carne per me è un vero piacere, qualcosa che mi fa sentire bene e che mi appaga e la preparazione di questo filetto di maiale in crosta di pane e pancetta, ricetta che ho adattato dalla versione originale di mia mamma, è qualcosa in grado di rendermi sempre felice, specie in vista dei pranzi fuori della primavera/estate.

Questa ricetta valorizza una carne molto corposa e si insaporisce grazie agli aromi e al vino bianco da dolce; in più, come consuetudine, la mia idea è quella di creare un piatto che alla fine della fiera è semplice e che, se resta, si può conservare per utilizzi futuri quando non si ha tempo.

Cosa serve per 4 persone
1 filetto di maiale (circa 500 grammi) sgrassato e tagliato medio-basso
1 frusta di pane abbastanza grande (celiaci, prendete le fruste apposite mi raccomando!)
4 salsicce
uva passa
8 fette di pancetta tesa tagliate fini
1 bicchiere di vino bianco da dolce
Olio extravergine di oliva
Rosmarino
Sale
Pepe
Spago da cucina

Come si fa
1. Sciacquare il filetto sotto l’acqua corrente (se il macellaio non l’ha fatto sgrassarlo del tutto), quindi scolarlo, tamponarlo con carta assorbente, salarlo e peparlo. Versarlo in una ciotola con un paio di cucchiai di olio extravergine di oliva, 1 bicchiere di vino bianco e del rosmarino.
2. Tagliare il pane a metà per il senso della lunghezza, eliminare tutta la mollica del e spalmare su entrambe le metà le salsicce senza pelle. Aggiungere anche l’uva passa in quantità a piacere spingengola per bene dentro la salsiccia.
3. Accendere il forno a 200° e foderare una teglia alta di carta in alluminio.
4. Prendere il filetto, scolarlo e adagiarlo su una delle due metà del pane quindi coprire con la seconda metà e premere per bene come fosse un panino.
5. Avvolgere il pane con la pancetta testa in modo da coprirlo del tutto, sigillare con lo spago e adagiare sulla teglia. Irrorare con il condimento utilizzato per la marinatura.
6. Cuocere in forno a 200° per circa 50 minuti (dipende comunque dall’altezza del filetto e dal forno, potrebbe volerci di più o di meno) togliendo dal forno quando la pancetta si è ammorbidita nel pane e la carne è diventata tenera e colorata.
7. Sfornare, lasciar intiepidire quindi tagliare a fettine usando un coltello da pane. Servire freddo oppure scaldato in una padella senza olio e con il solo sughetto di cottura. Come contorno basta una semplice rucolina leggera leggera con aceto balsamico, olio e sale che con il suo sapore asprigno mitiga tutti gli altri sapori.

Tempo di preparazione: 1 ora e 20 minuti

Risultato: so che sembra banale ma questo piatto è un vero trionfo di sapori. C’è il filetto che da solo fa la differenza poi c’è la salsiccia che, insieme all’uva passa, prende un sapore particolarissimo e si sposa benissimo con il piccantino della pancetta. In più il tocco particolare è dato dal Moscato che alleggerisce tutto e rende questo filetto ancora più particolare.

Consiglio: se vi resta già tagliato potete conservarlo in frigorifero per un paio di giorni o surgelarlo già cotto per consumarlo entro 3 mesi dalla data di congelamento.