Sogliola al forno con salsa di cipolla, capperi e finocchio

Sogliola al forno con salsa di cipolla, capperi e finocchio

Martedì pesce, dice la tradizione, e come si fa a non osservarla se per caso si riescono a trovare delle sogliole freschissime che quando le prendi in mano, oltre a scivolare 🙂 , profumano talmente tanto di mare che ti viene voglia di grigliarle e coprirle solo di limone per sentire le onde sbattere a riva? Ecco, è un po’ quello che è successo a me qualche giorno fa quando di fronte a due belle sogliole fresche fresche non ho resistito e in pochissimo ho tirato fuori un piatto buonissimo e davvero genuino: sogliola al forno con salsa di cipolla, capperi e finocchio.

E’ una ricetta dal neanche tanto vago sapore anglosassone e probabilmente qualcuno si starà chiedendo come si fa a legare il pesce alla cipolla rossa ma vi assicuro che i due ingredienti si sposano benissimo tra di loro e il burro perfettamente soprattutto insieme al finocchio che li alleggerisce.

Cosa serve per 2 porzioni
2 filetti di sogliola grandi
50 grammi di burro
1/2 cipolla rossa
Buccia grattata di 1 limone
Succo di 1 limone
Capperi
1 cucchiaio di finocchio fresco
Mezzo gambo di sedano
Sale
Pepe

Come si fa
1. Scaldare il forno e nel frattempo preparare il burro alla cipolla rossa, capperi e finocchio mescolando in un pentolino a fuoco basso il burro, la cipolla sminuzzata, il succo e la buccia del limone, i capperi in quantità a piacere e il finocchio fresco fino a quando il composto non risulta ben amalgamato.
2. Adagiare le sogliole su una teglia coperta di carta forno e versare sopra un cucchiaio di salsa al burro per ogni sogliola. Mettere in forno con la sola funzione grill e lasciarle per 5 minuti senza mai toccarle.
3. Al termine della cottura versare sulle sogliole la restante salsa al burro e lasciar insaporire per un paio di minuti quindi impiattare aggiungendo pepe nero, sale e il gambo del sedano tagliato. Io ho aggiunto del peperone semplicemente scottato come accompagnamento.

Tempo di preparazione: 15 minuti

Risultato: semplice e gustosa, la sogliola fatta in questo modo è un trionfo di sapori (sembro quasi un libro di cucina o un blog fatto bene quando scrivo queste cose 😀 ) in cui si riescono a distinguere chiaramente tutti i componenti senza nessun problema.

Variante: al posto della sogliola potete usare la passera di mare o il rombo che hanno parecchia carne e sono saporiti. Non sono invece indicati nè il merluzzo nè la platessa perchè non sono “schiacciati” come la sogliola e sono difficili da maneggiare.

Consiglio: la sogliola è uno dei pesci che deperisce più facilmente per cui il mio consiglio è di comprarla e mangiarla subito. Diversamente, anche se resta solo per 24 ore in frigorifero rischia in primis di perdere sapore (già ne ha poco, figuriamoci se va a male!) e poi di sviluppare germi e parassiti pericolosi che la cottura ridotta come quella proposta in questa ricetta difficilmente riescono ad uccidere.