Risotto ai funghi e pancetta con Cukò e senza

risotto funghi pancetta

Preparare il risotto, per me, è una delle cose più belle in cucina: ti diverti a vedere un piatto prendere forma, gli dai la forma che decidi e il sapore che preferisci e girare con il cucchiaio per tirar fuori il risotto perfetto è quasi una magia. Ho provato a vedere se la magia si poteva replicare con il Cukò ed il risultato è stato un risotto con funghi e pancetta davvero inaspettato.

Ovviamente Cukò mi ha semplificato le operazioni e soprattutto l’attesa ma ovviamente, per onestà, vi dico anche che si può continuare a preparare il risotto nella maniera classica, senza aiutino, e il risultato è sempre perfetto.

Cosa serve per 4 porzioni di risotto
40 g olio di oliva extravergine (1 tappo dosatore)
100 grammi di pancetta
100 grammi di funghi tagliati
300 g riso Carnaroli
1 bicchiere di vino bianco secco
600 grammi di brodo vegetale
50 grammi di parmigiano
sale
pepe

Come si fa
1.
Versare olio, pancetta e funghi nella boccia con la pala mescolatrice quindi selezionare il programma A e premere Start.
2. Quando il Cukò inizia a suonare aprire il coperchio e versare riso e vino quindi, passato un minuto, aggiungere anche il brodo vegetale.
3. Quando il Cukò inizia a suonare di nuovo (3 bip) aprire il coperchio, salare e pepare.
4. Quando il Cukò inizia a suonare di nuovo (4 bip) aggiungere il pecorino e mantecare fino alla fine del programma.
5. Quando il programma è finito premere Stop quindi togliere la boccia e la pala mescolatrice e servire aggiungendo eventualmente pecorino in superficie.

Tempo di preparazione
: 20 minuti

Risultato: gustoso, appetitoso, semplice, ben mantecato. Un risottino davvero buono specie quando fuori è freddo.

Variante senza Cukò: se non avete il Cukò potete semplicemente far rosolare la pancetta e cuocere in una padella i funghi quindi preparare il risotto nella maniera classica aggiungendo funghi, pancetta e pecorino quasi alla fine.

Consiglio: se avanza non buttatelo ma riutilizzatelo per preparare degli arancini, seguendo questa ricetta ma cambiando gli ingredienti.

(Foto di Giuseppe Milo)