Ricette cucina francese: la quiche Lorraine

quiche semplice

Non sono tipa da quiche, affatto. Le poche volte che ci ho provato mi è andata male, malissimo: i sapori non si sono amalgamati, il composto sembrava gomma e il colore era un misto tra giallo cinese e arancione mandarino appassito. Poi una sera un’amica mi ha “prestato” la sua ricetta che funziona davvero e così, anche se questo non è esattamente un piatto che adoro e che amo preparare, alla fine ci sto riuscendo. La classica ricetta che vi propongo è quella della quiche Lorraine, con una leggera variante.

Ingredienti per una teglia da 20 cm (io uso lo stampo per crostata di Guardini)

375 grammi di pasta brisée
100 grammi di prosciutto cotto
4 porri
2 uova
150 ml di latte scremato
4 cucchiai di panna da cucina
100 grammi di formaggio tipo groviera
sale
pepe

Come si fa

Per prima cosa bisogna riscaldare il forno per portarlo a 200° e nel frattempo bisogna foderare la teglia con della carta da forno riscaldata. Una volta fatto questo, sistemate le pasta brisée nello stampo (la potete preparare voi seguendo questa ricetta o comprarla fresca o surgelata, non fa differenza!) facendo attenzione a tirare per bene verso l’alto i bordi in modo che formino la classica crosticina più dura e bucherellate tutta la brisée con una forchetta.

Mettete in forno a 180° ventilato per 10 minuti dopo aver coperto lo stampo con della carta da forno quindi rimuovete quest’ultima e lasciate cuocere per altri 5 minuti.

Mentre la brisée si cuoce, preparate l’impasto mescolando il prosciutto cotto e i porri tagliati finemente quindi in un’altra ciotola mescolate latte, panna, uova, sale e pepe.

Tirate fuori la teglia e versate sulla base 50 grammi di formaggio grattuggiato quindi sistemate prosciutto e porri, aggiungete il formaggio restante e coprite tutto con il mix uova-panna-latte. Cuocete sempre a 180° per 30 minuti o comunque fino a quando la parte superiore della quiche non risulta abbastanza soda e soprattutto di un bel colore ambrato.

Tempo di preparazione: 45 minuti

Risultato: io non la mangio a causa dei formaggi ma pare che sia buona, delicata e stuzzicante. Fredda perde parecchio del suo gusto ma tiepida, con l’insalatina vicino, la regia dice che è sublime 🙂

Variante: al posto della brisée potete usare la sfoglia, seguendo questa ricetta se volete farla a casa o comprandola già pronta.

Postillina: io fallivo perchè mescolavo tutti gli ingredienti nella stessa ciotola che non si amalgamavano per bene e davano vita ad una grande massa informe di cibo che a stento prendeva corpo e si cuoceva. Se seguite il procedimento descritto ci impiegate più tempo ma siete sicuri del risultato!

Curiosità: la ricetta originale non prevede l’uso del formaggio che ormai è però adottato per convenzione. La ricetta originale prevede inoltre l’uso di pancetta e noce moscata che invece in questa versione mancano.