Ricetta amaretti secchi o amaretti di Saronno

Amaretti ricetta tradizionale

Gli amaretti sono biscotti tipici italiani che noi italiani, diciamolo apertamente, snobbiamo parecchio e che invece gli stranieri amano incondizionatamente per accompagnare il caffè o come biscottini per il pomeriggio: la ricetta è talmente semplice che, secondo me, è necessario dare una seconda possibilità a questi biscottini imparando (una volta tanto) dagli stranieri che hanno capito che il caffè ne esalta il sapore. Parliamo di amaretti secchi, gli amaretti di Saronno per farla breve.

La difficoltà di questa ricetta sta nella scelta degli ingredienti e, soprattutto, nel fatto che si deve lavorare con gli albumi montati a neve ben ferma e questo, proprio come accade per le meringhe, può causare problemi; inoltre non si tratta certamente di biscotti economici visto che si preparano usando le mandorle e le mandorle, si sa, non sono propriamente cheap.

Diciamo che se vi va di sperimentare e volete preparare a casa gli amaretti per un’occasione speciale allora vale la pena di provare ma se iniziate a diventare fan accaniti di questi biscotti secondo me vi conviene comprarli già pronti che risparmiate (lo so che non lo dovrei dire 😀 )

Cosa serve per 40 biscottini
160 grammi di farina di mandorle
240 grammi di zucchero a velo
100 grammi di zucchero semolato
4 albumi
1 cucchiaino di estratto di vaniglia puro

Come si fa
1. Mescolare per bene la farina di mandorle e lo zucchero a velo dopo aver setacciato entrambi.
2. Montare gli albumi a neve ferma aggiungendo una goccia di aceto per accelerare il processo quindi una volta che l’albume è pronto aggiungere lo zucchero semolato gradualmente sempre sbattendo dallo stesso verso e fino a quando non si ottiene un composto liscio e lucido.
3. Aggiungere agli albumi la vaniglia e la farina di mandorle mescolando dal basso verso l’alto.
4. Foderare una teglia di carta forno, disegnare tanti cerchietti del diametro di 2 cm e disponete il composto dentro ciascuno di questi cerchietti. Una volta finito, spolverizzare ogni biscotto con poco zucchero a velo e lasciar riposare per 15 minuti in modo che inizino a seccarsi in superficie.
5. Accendere il forno a 180° e, dopo averli fatti riposare, cuocere gli amaretti in forno per circa 10 minuti o fin quando non si gonfiano e iniziano a spaccarsi leggermente in superficie..
6. Staccare gli amaretti dalla carta usando una spatolina, lasciarli raffreddare prima di servirli.

Tempo di preparazione: 45 minuti

Risultato: veloci da preparare, gli amaretti duri sono un piccolo piacere per accompagnare il caffè o semplicemente per una merendina veloce. Possono stancare perché il sapore delle mandorle è molto forte.

Variante: un’ottima alternativa alla vaniglia, se vi piacciono le mandorle, è il liquore all’amaretto. Il sapore è davvero forte, per palati decisi.

Consiglio: conservate gli amaretti in una scatola di latta dove si mantengono per almeno 15 giorni oppure congelateli in bustine a chiusura ermetica e lasciateli scongelare in frigorifero la sera prima di servirli per evitare l’effetto “bagnato”.