Pastiera napoletana, la ricetta classica di Pasqua

pastiera napoletana

La pastiera napoletana è una di quelle ricette di cui non si può fare senza a Pasqua; la ricetta semplice e veloce con la frolla pronta è la variante più richiesta da chi non ha tempo ma una bella e buona pastiera napoletana classica, che sia ricca, corposa ed aromatizzata, chiede tempo.

Si tratta di una ricetta che pgni gfamiglia prepara in maniera diversa anche se gli ingredienti si ripetono: ricotta, canditi, grano e una serie di aromi che conferiscono il caratteristico profumo a questo dolce. Originario del Napoletano, oggi la pastiera è un dolce che si prepara ovunque e che si tramanda di generazione in generazione, e va rigorosamente preparato nel periodo pasquale.

La ricetta che ti propongo è quella collaudata della mia famiglia dove, come noterai, non è presente moltissimo zucchero: puoi aggiungerne di più se preferisci ma rischi che diventi troppo dolce per cui ti consiglio di seguire queste dosi per una pastiera dolce il giusto.

Secondo la tradozione, la pastiera napoletana non andrebbe messa in frigorifero perché tende a perdere sapore ma per farla durare di più puoi coprirla con della carta da pacco bianca; puoi anche congelarla intera o a fettine da scongelare al bisogno e in qualunque momento dell’anno.

Con la stessa ricetta puoi anche preparare delle minipastiere usando delle tegliette per tartellette rotonde oppure delle pastierine alte nello stampo dei muffin cercando di livellare quanto più possibile la frolla altrimenti tende a gonfiarsi.

Il procedimento per preparare la pastiera è lungo e serve almeno mezza giornata per preparare una buona pastiera ma servirla e mangiarla è davvero un piacere.

Ingredienti per 3 pastiere (teglia/ruoto da 23 cm)

    Per la frolla
  • 500 grammi di farina
  • 250 grammi di burro
  • 1 cucchiaino e mezzo di estratto di fiori d’arancio
  • Buccia grattata di 1 limone
  • 200 grammi di zucchero
  • 5 uova intere
  • 1 pizzico di cannella
  • Per il ripieno

  • 550 grammi di grano cotto
  • 750 grammi di ricotta di pecora
  • 250 grammi di zucchero
  • 100 grammi di canditi
  • 4 tuorli
  • una fialetta e mezza di fiori d’arancio
  • un pizzico di cannella
  • 220 ml di latte
  • La buccia grattata di 1 limone

Procedimento

  1. Preparare la frolla mescolando in una ciotola (con le mani o con l’impastatrice) tutti gli ingredienti avendo cura di spezzettare il burro quando è ancora freddo. Una volta pronta metterla in frigorifero e lasciarla compattare fin quando il resto non è pronto.
  2. Bollire il grano cotto nel latte aggiungendo la buccia grattata di 1 limone e mescolare per bene fin quando il composto non risulta ben denso. Versarlo in una ciotola in alluminio o in una ciotola in ceramica e lasciarlo riposare/intiepidire.
  3. Mescolare per bene la ricotta scolata, i canditi, lo zucchero, i fiori d’arancio, la cannella e i quattro tuorli fino a formare una crema densa e corposa.
  4. Accendere il forno a 200°. Tirare fuori la frolla dal frigorifero e stenderla ad un’altezza di circa 1.5 cm foderando la teglia in modo da arrivare fino al bordo. Mescolare composto alla ricotta e composto al grano e versare tutto sulla frolla stesa. Dalla frolla rimasta ricavare delle strisce e posizionarle sulla superficie della pastiera sigillandole per bene ai bordi.
  5. Infornare per circa 1 ora e mezza a 180° (la pastiera è cotta quando è scura [non bruciata] in superficie!) quindi spegnere il forno e lasciare la teglia all’interno per farla raffreddare.
  6. Tirarla fuori una volta fredda e possibilmente aspettare 24 ore prima di mangiarla.

Tempo di preparazione: 5 ore

pastiera napoletana classica

La video ricetta della pastiera pasquale:

[Foto di Giuseppe]