Minestrone di verdure fresche, la ricetta contro il freddo

Se fuori fa freddo cosa ci hanno insegnato le nostre nonne? A mangiare qualcosa di caldo, che ci faccia recuperare e che soprattutto sia sostanzioso: che io mangerei sempre cibi liquidi è un dato di fatto assodato così come che il minestrone rientra nella categoria delle cose che mangio più volentieri anche se mi richiede un bel po’ di tempo per prepararlo. Perché non mi piace comprare le buste e schiaffarle sul fornello anche se è semplice e soprattutto veloce e preferisco seguire l’insegnamento di famiglia che prevede i seguenti passaggi: comprare la verdura, sbucciarla e lavarla, sminuzzarla accuratamente e infine metterla a cuocere per un bel po’ in modo che si formi un minestrone ricco di gusto e sapore, magari da riempire pure con la pasta.

Le verdure che io preferisco sono quelle classiche di stagione (anche se a dirla tutta mi piace preparare il minestrone anche se fa caldo e mangiarlo freddo con dentro il pane, tipo gazpacho) per cui paradossalmente ad ogni stagione corrisponde un tipo di minestrone diverso anche se per l’inverno ci infilo dentro di certo cavolfiore, patate, fagioli, bieta, lenticchie, carote e sedano più i sempre presenti fagiolini e piselli anche se surgelati.

Non uso prepararlo con la cotenna di maiale perché lo trovo troppo pesante anche se nella variante romana (che presto vi dirò) c’è questo e molto altro! :); e non uso dado vegetale perché le verdure bastano e non c’è bisogno di aggiungere il carico da novanta.

Siccome la ricetta varia molto al variare del peso delle verdure e alla loro reperibilità, la ricetta non puo’ essere, secondo me, basata su quantità precise ma va molto ad occhio.

Cosa serve
Carote
Sedano
Cavolfiore
Patate
Bieta
Lenticchie
Piselli
Fagioli
Fagiolini e Piselli (surgelati)
Pomodoro (o passata)
Olio extravergine di oliva
Sale

Come si fa
1. Mondare tutte le verdure, sbucciarle e lavare quindi tagliarle a pezzi piccoli.
2. Far soffriggere poco olio extravergine di oliva quindi, una volta pronto, versare nella pentola tutte le verdure (fatta eccezione per il pomodoro) e, mescolando, lasciar insaporire leggermente.
3. Coprire la pentola con acqua fredda e lasciar cuocere per un paio di ore e mezzo a fuoco moderato, mescolando spesso. A fine cottura aggiungere il pomodoro spellato e schiacciato o la passata di pomodoro in quantità a piacere. Salare se necessario. Per rendere più denso il minestrone prendere un quarto del minestrone e frullarlo quindi rimetterlo nella pentola e lasciar cuocere per altri 5 minuti. Servire caldo aggiungendo pane oppure evitare di frullare parte del minestrone e aggiungere la pasta da far cuocere per il tempo necessario.

Tempo di preparazione: circa 3 ore

Risultato: a me piace moltissimo, lo mangerei a tutte le ore. Spesso evito di mettere il sale se ho delle verdure davvero buone.

Variante: potete preparare un soffritto con carota, sedano e cipolla a cui unire le altre verdure per un sapore più deciso.

Consiglio: resiste benissimo, senza pasta né pane, almeno 3-4 giorni se tenuto in frigorifero e se necessario va allungato con acqua in modo che non perda consistenza.