La tortilla di patate, la ricetta della frittata di patate spagnola

tortilla patate ricetta

Se sentiamo la parola tortilla forse ci verrà in mente come prima cosa il pane messicano che si farcisce con pesce, verdure o carne. In realtà si chiama tortilla anche la classica frittata di patate spagnola che si differenzia dalle classiche frittate per un’altezza decisamente fuori dal comune e un sapore incredibile. La ricetta per preparare la tortilla di patate, o semplicemente frittata di patate spagnola anche se di classica frittata non si può davvero parlare, è davvero semplice.

Si tratta infatti di un piatto povero che oggi è diventato rappresentativo di una cucina genuina e semplice, parte di una cultura enogastronomica fortissima e che rappresenta tantissimo il Paese; servono infatti pochissimi ingredienti, tutti reperibili nelle cucine di casa e praticamente zero abilità in cucina ma solo tanta passione.

Cosa serve per una tortilla da 4/6 porzioni
4 patate grandi
5 uova
1 cipolla sminuzzata
Olio di oliva
Sale q.b.

Come si fa
1. Sbucciare le patate, lavarle e asciugarle quindi tagliarle a fette sottili. Scaldare un po’ di olio in una padella media con i bordi alti e, quando è caldo, cuocere le cipolle a fuoco basso.
2. A metà cottura aggiungere anche la cipolla sminuzzata e cuocere fin quando le patate non saranno morbide e leggermente dorate e la cipolla morbida.
3. Sbattere le uova con un pochino di sale, scolare le patate e le cipolle e aggiungerle alle uova mescolando il tutto per bene.
4. Versare il composto nella padella ancora unta do olio e cuocere la tortilla con il coperchio sulla padella per un massimo di 10 minuti a fuoco medio-basso ovvero fin quando la parte inferiore non sarà dorata.
5. Girare la frittata e cuocerla fin quando non si sarà rappresa e sarà dorata anche sul secondo lato. Servire calda, tiepida o fredda.

Tempo di preparazione: 30 minuti

tortilla di patate

Risultato: semplice e abbastanza veloce, la tortilla di patate è ottima come antipasto o anche come secondo piatto.

Variante: potete servire aggiungendo erbette aromatiche in superficie senza andare ad alterare troppo il sapore originale del piatto.

Consiglio: se avanza si può tenere fuori dal frigo per un paio di giorni e consumare fredda o riscaldata in forno con poca acqua.