La frittata di albumi: semplice, veloce e leggera

Frittata di albumi

Chi mi conosce anche un minimo sa che io amo preparare le frittate anche se certe volte il risultato, quando le giro, non è propriamente quello auspicato. Una delle frittate più particolari e buone è sicuramente la frittata di albumi. Non la conoscete? Male, molto male.

E’ una frittata ma è anche un piatto da riciclo nel senso che se avete albumi da consumare e non sapete come (fare i macarons non è sempre un’opzione praticabile!) la frittatina è una manna dal cielo; chiaramente è una ricetta banale ma non pretende affatto di essere ricercata o difficile da preparare!

Giusto per completezza vi dico che la frittata di albumi è anche più leggera della classica perché manca il tuorlo che è la parte più pesante e che contiene più colesterolo dell’uovo quindi se volete mangiare in maniera corretta questa è una ricetta che fa al caso vostro; non chiedetemi se fa dimagrire perché lo scopo di questa preparazione, su questo blog, non è questo.

Cosa serve per una frittatina media
4 albumi
1 cucchiaio di latte
1 manciata di pecorino romano
sale
pepe
olio extravergine di oliva

Come si fa
1. Sbattere gli albumi con il cucchiaio di latte, il pepe e il sale.
2. Versare il pecorino grattato a pioggia e mescolare per bene.
3. Scaldare in una padella antiaderente l’olio extravergine di oliva e, quando è caldo, versare tutto l’albume sbattuto. Far cuocere ogni lato per 3-4 minuti girando con un piatto come una frittata normale. Servire da sola, con verdure crude o cotte o con salumi.

Tempo di preparazione: 10 minuti

Risultato: sbrigativa, leggera e versatile. Sono questi gli aggettivi che definiscono meglio questa frittata.

Variante: potete aggiungere all’impasto verdurine tagliate come carote o anche spezie varie per dare un sapore diverso alla frittata.

Postillina: io ho cucinato questa ricetta con l’obiettivo di sperimentare qualcosa di diverso nella mia vita agendo per me e per chi mi sta affianco con amore verso la nostra salute. Allo stesso modo regalo questa ricetta all’associazione Agire che sostengo ormai da qualche tempo e vi invito a sostenerla anche voi tramite il sito www.agireconamore.it dal quale potete ordinare la t-shirt destinando i 30 euro del costo al Fondo di Risposta Rapida alle Emergenze, la riserva con la quale Agire sostiene le attività fondamentali nella primissima fase di un’emergenza. Con le risorse del Fondo lo scorso novembre nelle Filippine Agire ha finanziato distribuzioni di cibo e tende alle persone più vulnerabili in zone remote del paese. Insomma, se volete Agire pure voi visitate il sito che vi ho citato.

(Foto di Giuseppe Milo)