Il tofu fritto, la ricetta che non ti aspetti

E’ semplice, veloce, delicato e secondo me davvero particolare da servire per un antipasto, un aperitivo o anche come secondo piatto gustoso e diverso dal solito: il tofu fritto, questa specie di gommina che di appetibile, quando cruda, non ha davvero nulla e che invece se fritta diventa davvero davvero appetitosa. Da scoprire, per evitare di pensare che oltre al Parmigiano e ai vari formaggi italiani più qualche formaggio francese il mondo non offra altro, cosa che è assolutamente non vera. Il tofu si ricava dal caglio del latte di soia che viene “spurgato” e pressato e si differenzia in tofu cinese e tofu giapponese: il cinese è morbido e si frantuma perché viene lavorato con solfato di calcio mentre il giapponese è compatto e liscio perché lo si essicca e lavora con nigari, ovvero il liquido residuo dell’acqua di mare che si ottiene dopo l’estrazione del sale da cucina e che rende il tofu leggermente più saporito dell’altra versione.

Il tofu che si compra è tradizionalmente considerato insapore ma in realtà se trovate un buon ipermercato, abbastanza fornito e con un buon assortimento, non faticherete a trovare anche del tofu più artigianale e dunque più saporito e meno gommoso; se proprio vi volete cimentare nell’impresa qua trovate un buon tutorial per farvi il tofu a casa.

Detto questo, la versione fritta del tofu è semplicissima ed è decisamente l’ideale se volete riscoprire questo formaggio-non formaggio e vederlo sotto una luce diversa: io lo mangio così com’è ma anche in insalata, per dire, e sostituisce egregiamente sia i formaggi più pesanti che la carne. In più è digeribilissimo e senza glutine, cosa essenziale sia se si è intolleranti ai latticini che se si è celiaci.

Cosa serve per 2 persone
200 grammi di tofu
farina (senza glutine per celiaci)
2 uova
1 cucchiaio di latte di soia
sale
Olio di semi

Come si fa
1. Aprire la confezione di tofu e mettere il formaggio su della carta assorbente per far usciril liquido e fare in modo che si asciughi per bene.
2. Sbattere le uova con il latte, aggiungere poco sale a piacere quindi tagliare il tofu a cubetti e passarlo prima nell’uovo e poi nella farina facendo in modo che non resti nessuna parte bagnata che, a contatto con l’olio, potrebbe far bruciare tutto.
3. Scaldare abbondante olio di semi e, una volta che è bollente, versare il tofu e lasciar dorare l’esterno. Tirare fuori il tofu fritto con un cucchiaio bucato, mettere su carta e lasciar assorbire l’olio in eccesso. Servire caldo o tiepido.

Tempo di preparazione: 10 minuti

Risultato: croccantini esternamente e mobidi all’interno, questi cubetti di tofu fritto sono (non mi voglio ripetere!) troppo sfiziosi e pure (abbastanza) leggeri!

Variante: potete bagnare il tofu in un mix di uova e salsa di soia per un sapore più peculiare ma se avete a che fare con dei celiaci assicuratevi che la soia sia senza glutine.

Consiglio: non è un piatto che si prepara in anticipo e si riscalda perché il tofu tende a diventare colloso e gommoso se viene riscaldato e poi lasciato raffreddare.