Ghiaccioli al caffè fatti in casa per i pomeriggi estivi

ghiaccioli caffè

Con il caldo, e anche quando arriva l’estate e magari tanto caldo non è, il ghiacciolo è il massimo, vero? Specie a metà pomeriggio quando, se devi lavorare, ti prende la sonnolenza e ti immagini spiaggiata con una bottiglia di acqua fredda e una confezione di olio solare pronto all’uso. Che fai allora? Ti prepari un ghiacciolo al caffè no?

In pratica fai una cosa semplice: prendi del caffè, lo versi negli stampini appositi e lo metti a congelare, pronto all’uso per i pomeriggi di afa e calura, da leccare invece che da bere. E con poco zucchero, perché dolce non ha molto senso.

Cosa serve per 10 ghiaccioli medi
180 ml di caffè espresso
60 ml di acqua fredda
6 cucchiaini di zucchero
2 bicchierini di panna fresca (opzionale)

Come si fa
1. Mescolare il caffè con l’acqua e lo zucchero e far scogliere lo zucchero per bene,
2. Aggiungere eventualmente la panna fresca non montata e mescolare (i ghiaccioli si schiariranno parecchio).
3. Versare dentro gli appositi stampini da ghiacciolo e riponete in congelatore per almeno 3 ore.

Tempo di preparazione: 10 minuti + raffreddamento

ghiaccioli

Risultato: semplici, veloci, gustosi. Con l’aggiunta di panna diventano leggermente più cremosi senza appesantirsi troppo.

Variante: aggiungendo tanta panna o latte potete preparare i ghiaccioli al cappuccino mentre per un effetto diverso potete versare latte sulla base dello stampo, mettere a congelare quindi, una volta congelati, aggiungere il caffè e rimettere in congelatore.

Consiglio: se non avete gli stampini da ghiacciolo prendete gli stampi usa e getta in alluminio, versate il liquido, inserite un bastoncino da lecca lecca e mettete in frigorifero.