Crostata di latte sudafricana o melktert per tornare bambini

crostata di latte ricetta

Ci sono dolci che richiedono poco tempo e sono buonissimi, che sembrano leggeri e invece sono mattoni, che non mangeresti probabilmente mai se sapessi come sono preparati e che invece poi divori senza preoccuparti di niente. Uno di questi è la crostata al latte di origine sudafricana che nel nome originale si chiama Melktert (anche se assomiglia al nome di questo animale non c’entra niente 😀 ).

E’ una torta che assomiglia ad una crostata e che in Sud Africa è preparata usando ingredienti poveri a livello economico ma ricchissimi di sapore; da noi, nei Paesi europei, non solo è ricca di sapore e grassi ma gli ingredienti non sono neanche così economici però il risultato li giustifica tutti.

E’ una crostata da servire a merenda ma se siete coraggiosi anche a colazione, magari sostituendo il cappuccino con una tazza di caffè americano per bilanciare i sapori e, ovviamente, la pesantezza; tradizionalmente è infatti anche una ricetta dolce ma nella versione che ho preparato io lo è leggermente di meno proprio perché altrimenti non ce la si fa, con i nostri gusti europei, a mangiarla e gustarla.

Cosa serve per una teglia rotonda da 20/22 cm

Per la base
50 grammi di farina
90 grammi di zucchero di canna
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
90 grammi di burro
1 uovo

Per la crema
600 ml di latte intero
1 bastoncino di cannella
1 bastoncino di vaniglia
50 grammi di zucchero (o 50 ml di miele)
1 cucchiaio e mezzo di maizena
2 uova
30 grammi di burro
cannella in polvere

Come si fa
1. Preparare la base della frolla mescolando velocemente tutti gli ingredienti con le mani fino a formare una palla. Stendere la frolla sulla teglia leggermente imburrata (non troppo perché la frolla contiene molto burro) facendo in modo che i bordi siano coperti del tutto. Mettere in frigorifero.
2. Portare quasi ad ebollizione il latte con la vaniglia, la cannella e il burro quindi, quando il composto è quasi pronto per bollire, toglierlo dal fornello e lasciare i due bastoncini in infusione mescolando ogni tanto per evitare che in superficie si formi la pellicina.
3. Mescolare le uova con lo zucchero o il miele e, una volta pronti, aggiungere un pochino di maizena (al bisogno) per ottenere un composto cremoso. Aggiungere a questo composto il latte dopo aver eliminato la vaniglia e la cannella mescolando per bene.
4. Rimettere sul fuoco a fiamma bassissima e mescolare continuamente per far amalgamare i due composti e ad ottenere un composto abbastanza cremoso e fermo.
5. Versare il composto liquido sulla base di frolla, cospargere di cannella (opzionale) e cuocere in forno a 180° per circa 30 minuti. Sfornare, lasciar intiepidire quindi servire.

Tempo di preparazione: 40 minuti + raffreddamento

Risultato: è buona, è corposa, è saporita. Ricorda i sapori dell’infanzia amplificati e vi assicuro che se al primo assaggio sembra strana, al secondo si diventa dipendenti.

Variante: è possibile sostituire il miele con lo zucchero e diminuire ancora le quantità. Per un risultato ancora più corposo si può utilizzare metà latte intero e metà panna da montare per il riempimento.

Variante 2: potete usare dei biscotti secchi per la base, mescolandoli con del burro per ottenere una base davvero particolare e, secondo me, anche più buona di quella a base di frolla.

Consiglio: si mantiene bene per 2 giorni conservandola in un recipiente/tortiera aperto altrimenti si secca e il burro tira fuori liquido.