Friggitelli in padella alla napoletana

friggitelli ricetta napoletana

I friggitelli sono una delle verdure più stagionali in assoluto: li si trova solo in estate, e non li si trova ovunque. Sono infatti tipici del centro e del Sud Italia e sono celebrati nel napoletano e nella regione Campania, dove vengono preparati in tanti modi diversi. Nello specifico, i friggitelli sono dei peperoni verdi molto piccoli, caratterizzati da un profumo particolare e decisamente dolci, adatti dunque per preparazioni semplici dove deve essere però presente un sapore più deciso, per esempio il peperoncino.

Si preparano solitamente con un paio di ingredienti, ovvero pomodoro e aglio, con aggiunta di basilico che ammorbidisce il sapore e vengono serviti come contorno o anche per condire la pasta.

Prima di lasciarti la ricetta dei friggitelli alla napoletana, voglio sfatare dei miti legati proprio a questi peperoni verdi. Uno dei nomi con cui vengono chiamati, in special modo in dialetto, è friarelli e questo fa sì che non di rado vengano confusi con i friarielli che però sono tutta un’altra cosa. Il friarello è infatti il peperone piccolo e verde mentre il friariello è la cima di rapa.

Per distinguere i friggitelli dai friarielli, in molte zone della Campania i peperoni vengono chiamati puparulilli.

Passiamo ora alle ricetta dei friggitelli alla napoletana e, sotto alla ricetta, troverai altre idee per preparare degli ottimi piatti con questa verdura di stagione.

Ingredienti per 4 persone

  • 500 grammi di friggitelli
  • 400 grammi di pomodorini
  • 1 spichhio di aglio
  • basilico al bisogno
  • sale
  • olio extravergine di oliva

Procedimento

  1. Lavare i peperoncini e privarli del picciolo.
  2. Soffriggere l’aglio tagliato a metà nell’olio e aggiungere anche i peperoncini.
  3. Quando i peperoncini inizieranno a dorarsi, aggiungere i pomodorini tagliati a tocchetti.
  4. Lasciar cuocere per qualche minuto, aggiungendo sale al bisogno.
  5. Servire impiattando con basilico fresco sminuzzato.

Tempo di preparazione: 15 minuti

friggitelli ricetta

Altri metodi per preparare i friggitelli

Ripieni: basta togliere i semi e il picciolo e riempire i friggitelli a piacere, tenendo a mente che il loro sapore di base è piuttosto amarostico per cui è necessario che sia bilanciato con sapori neutri o dolciastri. Provola o scamorza, ma anche ricotta o la più classica carne macinata sono perfetti. Una volta ripieni, possono essere fritti in padella oppure cotti al forno, come si fa per le zucchine ripiene;

Ratatouille: in questo caso, si usano i friggitelli al posto dei peperoni nella classica ratatouille;

Al sugo: basta friggere i friggitelli e a parte preparare un sugo veloce con cipolla, pomodoro e basilico. Una volta che i friggitelli sono pronti, aggiungerli al sugo, lasciarli cuocere per qualche minuto in modo da farli insaporire e servirli caldi o tiepidi;

Gratinati: ti basterà pulire i friggitelli togliendo semi e picciolo ma lasciandoli interi, sistemarli su una teglia con pangrattato, mozzarella e odori vari (prezzemolo, basilico, etc), quindi mettere tutto in forno a 180° per circa 20 minuti o fin quando non si sarà formata la crosta in superficie e la gratinatura;

Fritti: pulisci i friggitelli, tagliali a dadi, impanali passandoli nell’uovo sbattuto e nel pangrattato quindi friggili in olio bollente.

friggitelli fritti