Lo sciroppo di sambuco fatto in casa

succo sambuco

Quello che vedete nella foto non è un bicchiere di acqua anche se potrebbe sembrare ma è anzi una delle bevande più rinfrescanti e in generale dolci in assoluto, di quelle che in estate fa piacere bere per accompagnare un piatto di insalata o anche per sostituire acqua: si tratta di succo di sambuco!
Il sambuco e si utilizza per preparare l’estratto usando solo ed esclusivamente i fiori e mai le bacche. I fiori del sambuco si raccolgono, direttamente da arbusto, intorno alle metà/fine maggio e questo fa in modo che preparando l’estratto al momento della raccolta se ne possa beneficiare per tutta l’estate (e ovviamente anche oltre).

Il sambuco presenta delle proprietà davvero particolari ed è ricco di vitamine, flavonoidi, triterpeni, glicosidi, zuccheri e tannini; l’infuso ottenuto dai fiori è utilizzato nei casi di febbre, di problemi alle vie respiratorie e per i gonfiori. Ovviamente, come in questo caso, anche per dissetarsi! Per la cronaca, vi dico che a quanto pare il succo di sambuco aiuti anche a dimagrire in quanto drenante.

The elderflower

Di seguito la mia ricetta per preparare lo sciroppo di sambuco; questa è la ricetta più veloce possibile ma ne esistono di più complesse e lunghe che non superano però mai i 3-4 giorni per via del potere ossidante dei fiori che rischiano di rilasciare sostanze altamente nocive se ossidati. Nella mia ricetta utilizzo l’acido citrico che mantiene la freschezza del prodotto e ne permette la conservazione fino a 3 mesi; lo si trova nelle erboristerie specializzate, in barattoli richiudibili.

Cosa serve per 3 litri di succo
15 fiori di sambuco con massimo 5 cm di gambo l’uno
3 kg zucchero
2 limoni
60 grammi di acido citrico
2 litri di acqua

Come si fa
1. Mescolare l’acqua e i limoni tagliati a metà e versare i fiori di sambuco comprensivi del ramo facendo attenzione alla presenza di eventuali animali tra i fiori. Lasciar marinare per 3 ore.
2. Trascorse le 3 ore togliere i fiori e i limoni e aggiungere acido citrico e zucchero. Mescolare per bene fin quando lo zucchero e l’acido non sono ben dissolti. Mettere a riposare in una ciotola molto capiente coperta con un panno di cotone per 24 ore.
3. Trascorse le 24 ore riprendere la ciotola e, usando un panno di cotone, filtrare il contenuto dentro una pentola alta. Imbottigliare lo sciroppo e metterlo in frigorifero dove può restare fino a 3 mesi.

Tempo di preparazione: 36 ore.

estratto di sambuco

Risultato: fresco, profumato, semplice il succo di sambuco è una piacevole sorpresa da presentare ad ospiti e non per un aperitivo o un pomeriggio.

L’idea in più: potete preparare un vero e proprio “cordiale” con il succo di sambuco. Semplicemente mescolate 1 cucchiaio di succo in un bicchiere da cocktail o da acqua (da 200 ml) con 4 parti di acqua fresca, spumante o anche vodka. Per un sapore più dolciastro la proporzione è 2+3.

[Foto di Giuseppe Milo]