La ricetta della cicoria strascinata romana

cicoria strascinata

Cicoria a casa mia vuol dire mia nonna che con il coltellino e gli stivali si inoltra per campi e torna a casa con bustone di erba da pulire. E vuol dire anche mia nonna che spera che anche la figlia e la nipote abbiano la stessa passione per l’estirpazione diretta dell’erba dai campi incoltivati, cosa che nel mio caso proprio non è stata tramandata. La cicoria la compro al mercato e pure se devo pulirla perché magari la prendo dal contadino non ho mai pensato di chinarmi e spezzarmi la schiena per raccoglierla da sola, figuriamoci (ed ecco perché non sono una foodblogger seria, mi manca del tutto la parte bucolica e romantica)! 😀 Tutto ‘sto pappiè di parole per presentarvi la ricetta di oggi che è una ricetta romana tradizionale semplicissima e golosissima, la cicoria strascinata. La parola è chiaramente romana, dubito l’abbiate sentita altrove.

Strascinata vuol dire ripassata in padella ovvero saltata con olio e peperoncino e la sua particolarità è data solo ed esclusivamente dalla cicoria che deve essere “di campo” e non coltivata in serra; per questo è rarissimo trovare della cicoria strascinata come si deve nei ristoranti invece se avete la fortuna, come me, di avere a disposizione cicoria seria il risultato è favoloso, unico e vale la pena pure perdere del tempo per pulirla, lavarla e renderla presentabile prima di cuocerla.

Si mangia come contorno , io la adoro schiaffata dentro due fette di pane fatto in casa…

Cosa serve per 4 persone
1.5 kg di cicoria di campo
5 cucchiai di olio extravergine d’oliva
2 spicchi d’aglio
1 pezzetto di peperoncino piccante
sale

Come si fa
1. Pulire la cicoria, lavarla senza mai togliere le foglie alla base e sbollentarla in acqua salata senza farla spappolare per 5-6 minuti.
2. Soffriggere l’aglio schiacciato con tutta la pellicola esterna in padella con olio e peperoncino sminuzzato.
3. Scolare la cicoria e versarla quando ancora scola acqua nella padella con il soffritto. Lasciare cuocere mescolando con un cucchiaio di legno fin quando l’acqua non è quasi del tutto scomparsa. Servire calda o tiepida.

Tempo di preparazione: 20 minuti circa

Risultato: amarognola e piccantina, piace a chi ama i sapori forti e decisi.

Variante: c’è chi non lessa la cicoria prima di passarla in padella per fare in modo che sia più croccante. Fate vobis, a me piace lessata perché l’acquetta di cottura le conferisce un sapore davvero incredibile.

Consiglio: se resta puo’ essere consumata nel giro di un paio di giorni e conservata in un contenitore ermetico. Basta rimetterla in padella con poco olio e pochissima acqua calda a fuoco basso per farla rinvenire.