Brownies al cioccolato senza glutine e senza lattosio

brownie al cioccolato senza glutine

Metti una sera a cena: una celiaca, persone che non tollerano latticini e persone che non amano gli zuccheri raffinati e cerca un dolce che faccia contenti tutti, in primis te stessa. Mettiti di impegno ma con lo stesso impegno cerca anche una ricetta che sia veloce e poco impegnativa, possibilmente con tanto cioccolato. Risultato? Il brownie al cioccolato senza latte e senza glutine.

Il brownie di suo, una torta al cioccolato molto più bassa, si presta da solo ad essere adattato in versione celiaca e anche in versione senza lattosio senza perdere nessuna delle sue caratteristiche fondamentali ovvero la pesantezza e la bontà.

Cosa serve per una teglia da 23cm
450 grammi di cioccolato fondente in tavoletta
4 uova
140 grammi di zucchero di canna non raffinato
180 grammi di farina di riso
1 cucchiaino di agar agar (qui tutte le informazioni) o gomma di guar
due cucchiaini di estratto bio di arancia
2 cucchiai di uvetta

Come si fa
1. Sciogliere il cioccolato a bagnomaria e, una volta pronto, metterlo ad intiepidire. Quando il cioccolato è diventato tiepido, aggiungere l’estratto di arancia, la farina e lo zucchero mescolando per bene fino ad ottenere una composto abbastanza solido. Aggiungere anche l’agar agar (o la gomma di guar).
2. Dividere i tuorli dagli albumi e versare i tuorli nel composto al cioccolato mescolando per bene fino a far amalgamare il tutto. Sbattere a neve ferma gli albumi e incorporarli all’impasto mescolando dal basso verso l’alto. Aggiungere anche l’uvetta.
3. Oliare la teglia e cospargerla di farina quindi infornare per 45 minuti a 180° in forno ventilato già caldo. Servire tiepido o freddo, da solo o con gelato.

Tempo di preparazione: 1 ora

Risultato: semplice, veloce e delizioso questo brownie mantiene i sapori decisi della cioccolata mitigati leggermente dalla farina di riso.

Variante: potete utilizzare crema spalmabile al cioccolato senza lattosio e senza glutine da unire a metà del cioccolato fuso per un risultato leggermente più dolciastro.

Consiglio: si mantiene bene per 3-4 giorni se la teglia viene coperta con un panno o con dell’alluminio.