Come pulire la melagrana senza fare tanta fatica

melagrana

Una tra le operazioni più difficili dell’inverno, se amate la frutta di stagione, è sbucciare la melagrana e mangiarne i chicchi. Ecco, io ritengo sia una delle scocciature più grandi in assoluto pur considerando che, se si ha del tempo e si vuole scaricare la tensione, l’idea di pulire questo frutto sia davvero un’alternativa da considerare.

Ho sempre pensato che per mangiare la melagrana fosse necessario aprirla a metà e poi sfilare pazientemente un chicco dopo l’altro per assaporarne il sapore oppure per utilizzarlo come condimento o decorazione; poi ho scoperto che esistono due modi per pulire questo frutto e chiaramente le difficoltà sono diverse.

Il primo modo consiste nell’aprire a metà la melagrana seguendo la linea presente sulla calotta esterna quindi girarla al contrario e far cadere i chicchi dentro una ciotola aiutandosi con un cucchiaino; questo metodo garantisce uniformità nella caduta dei chicchi e soprattutto di non perderne neanche uno e di non sporcarsi affatto le mani (e i vestiti).

Il secondo è molto più spicciolo e veloce, adatto soprattutto se la melagrana la dovete utilizzare per preparare della salsa o se non vi interessa granchè se vi sporcate la maglia o il grembiule: dovete semplicemente tagliare a metà il frutto senza tenere conto della sua conformazione naturale poi prendete un cucchiaio di legno e iniziate a sbattere sulla superficie dura della melagrana facendo cadere i chicchi dentro una ciotola abbastanza capiente.

Sappiate che la cuochina ha scelto il secondo metodo senza pensarci due volte ricavando enorme soddisfazione dallo sbattere la “cucchiarella” sulla melagrana mentre quando devo bere o utilizzare solo il succo, divido a metà la melagrana e la spremo con le mani facendone uscire il liquido e senza preoccuparmi di altro.

Quanto ai chicchi, una volta tirati fuori potete passarlo sotto l’acqua oppure mangiarli così come sono aggiungendo della panna montata (ma solo se siete proprio tristi o se volete fare le cose in grande oppure se, come capita a me, tutti i vostri commensali mangiano frutti di bosco con la panna e voi, allergiche, vi dovete “accontentare” della melagrana!)