Aloe vera: le proprietà, i benefici, le controindicazioni e tutti gli utilizzi

Se ti piace questo articolo condividilo!

Aloe Vera benefici controindicazioni

L’aloe vera è una delle piante più utilizzate sia a livello locale che sotto forma di succo o pasticche per regolare il nostro organismo e il nostro corpo, internamente ed esternamente. I benefici e le proprietà dell’aloe vera sono molteplici e io che ne faccio un largo uso, sia in crema che in succo, ho pensato di riassumerli per voi in modo da aiutarvi a decidere se iniziare a farne uso o meno. Alla fine trovate anche una piccola curiosità per utilizzare l’aloe vera in cucina!

Cos’è l’aloe vera

Di aloe ne esistono centinaia di specie ma solo l’Aloe Barbadensis Miller, il vera in pratica, è quello che viene utilizzato sia per uso interno che per uso esterno tramite la “spremitura” delle sue foglie dalle quali fuoriesce un gel che viene poi utilizzato così com’è o in succo. L’aloina è il principio attivo presente nell’aloe che predilige i luoghi caldi e secchi dove cresce anche spontaneamente ma può essere anche coltivata, per esempio, sul balcone di casa esponendola moltissimo al sole in modo che sotto le foglie si formi, grazie all’acqua, il parenchima acquifero, il gel dell’aloe.

I benefici dell’aloe vera

Il gel estratto dall’aloe vera contiene moltissimi principi attivi con le seguenti proprietà:
– Immunostimolanti
– Antinfiammatorie
– Depurative
– Nutrienti.

Nello specifico l’aloe vera è utile nei casi di intestino pigro ma anche per calmare qualsiasi tipo di infiammazione delle mucose dello stomaco e nello specifico ulcera, gastrite, colite e anche intestino irritabile.
L’aloe contiene anche proprietà cicatrizzanti che fanno in modo che, utilizzato localmente, aiuti la rigenerazione cellulare e dunque la cicatrizzazione mentre, assunto sotto forma di liquido, ne è stata dimostrata l’utilità in caso di influenza, infezioni recidive e anche herpes.

L’aloe, sia in gel che liquido, è utile poi per rallentare il processo di invecchiamento delle cellule mentre a livello locale l’aloe si usa anche in caso di pelle secca, irritazioni cutanee e ustioni, eritema solare, punture di insetti, prurito, abrasioni e dermatiti proprio perché in grado di rigenerare le cellule velocemente e riparare i danni alla pelle in maniera naturale.

Aloe vera

Le controindicazioni dell’aloe vera

L’aloina è la principale responsabile delle controindicazioni dell’aloe vera ed è per questo che in quello per uso interno viene solitamente eliminata o ne viene ridotta la presenza. Questo perché l’aloina ha un potere lassativo ingestibile per il corpo umano e dunque, se assunta in maniera regolare, può portare grossi problemi allo stomaco e all’intestino.
Nonostante si tratti di un rimedio naturale, è bene non esagerare con i dosaggi dell’aloe in succo e seguire sempre le istruzioni sulla confezione sospendendo l’assunzione ciclicamente anche per evitare che il corpo si assuefaccia.
Per quel che riguarda il gel, non si riscontrano controindicazioni fatta salva la possibilità che la pelle si secchi eccessivamente in caso di sovradosaggio.

Come usare e assumere l’aloe vera

Se il gel si può assumere in caso di necessità, il succo di aloe vera (che sia privato di aloina) va assunto in questa modalità:

1 cucchiaio di succo aloe vera appena svegli e 1 prima di andare a dormire, abbastanza lontano dai pasti. Il succo ha un sapore accettabile ma può essere diluito in acqua o succo di frutta non zuccherato.

Per chi preferisce l’assunzione in pasticche si raccomanda 1 pasticca la sera prima di andare a letto e 1 la mattina appena svegli. Non esiste differenza tra succo e pastiglie tranne, ovviamente, la portabilità di queste ultime rispetto alla bottiglia di liquido.

Ma l’aloe vera funziona davvero?

Il gel di aloe per uso esterno funziona benissimo contro le scottature e nella risoluzione dei problemi dermatologici ma chi ha la pelle molto secca rischia che questa peggiori con l’utilizzo dell’aloe che va quindi affiancato ad un altro prodotto sempre naturale, per esempio l’olio di germe di grano. Inoltre i prodotti a base di aloe per il corpo non sono indicati per il viso, la cui pelle è più delicata e problematica.
Il succo di aloe (o le pasticche) funziona se utilizzato coscientemente e dunque NON per dimagrire ma per pulire il colon e aiutare l’organismo a funzionare meglio: questo significa che in primis va rispettato il dosaggio e poi la “cura” va seguita solo ed esclusivamente per un massimo di 3 mesi o all’occorrenza quando si è abusato di cibo. Se si assume troppo succo l’effetto lassativo produrrà l’effetto opposto a quello desiderato, peraltro disidratando l’organismo e compromettendo anche le funzionalità dei reni. Il succo di aloe vera non va utilizzato per dimagrire, mai, ma per pulire il nostro organismo al bisogno!

Aloe Vera guida

Come scegliere l’aloe vera migliore?

Per riconoscere un succo di aloe vera di qualità si deve fare attenzione ai polisaccaridi, ovvero quei componenti che facilitano le funzionalità gastriche senza compromettere l’organismo. Un buon succo è quello che contiene un alto contenuto di polisaccaridi e non contiene aloina e antrachinoni, quei componenti che irritano l’organismo e alla lunga rischiano di intossicare.
Un buon succo di aloe vera deve inoltre essere venduto dentro bottiglie scure perché siccome l’aloe è fotosensibile al contatto con la luce non solo cambia colore ma anche consistenza. La stessa cosa accade con il gel e con le pasticche che vanno sempre vendute in contenitori scuri.
Mai fidarsi della dicitura “100% aloe vera” perché è una bugia: almeno il 5-6% del totale dei componenti di succo e gel è composta da sostanze stabilizzanti e antiossidanti, naturali anche loro. E’ chiaro che, siccome secondo la legge gli ingredienti devono essere elencati in ordine di quantità, i primi tre ingredienti della lista rappresentano almeno il 90% del totale e anche la verifica di questi ingredienti permette di capire se il prodotto che stiamo acquistando è qualitativamente buono o no.

L’aloe vera in cucina

Se si ha a disposizione dell’aloe vera fresco lo si può utilizzare per cucinare. Basta tagliare le foglie ed estrarre il gel che si trova al suo interno quindi utilizzarlo come ingrediente per frullati, succhi e anche zuppe. Lo stesso gel, tutto intero e da tagliare a dadini, si può utilizzare per le insalate. Anche qua, la moderazione è fondamentale per evitare intossicazioni e problemi di stomaco.

Se ti piace questo articolo condividilo!

Categorie: Scuola di cucina, Trucchi e consigli
Articolo scritto da Veruska Anconitano aka La Cuochina Sopraffina

Categorie

Iscriviti alla newsletter e ricevi contenuti esclusivi via email

Socializziamo

Articoli più popolari

Torta di mele ricetta classica della nonna
Pancakes proteici ricetta facile e veloce
Ricette Dolci di Pasqua 2019
Ricette per Riciclare le Uova di Pasqua
Ricetta Pizza di Pasqua Dolce
Hot Cross Buns Ricetta Originale Inglese
Ricette Pranzo di Pasqua 2019
Limoncello Ricetta Perfetta
Torta Pasqualina Ricetta Tradizionale e Originale
Casatiello ricetta originale napoletana
Ricetta Colomba Pasquale Veloce Fatta in Casa
Colomba Pasquale Ricetta Facile e Veloce
Ricetta Cheesecake Philadelphia Fredda
Pasta al Forno Ricetta Classica Semplice
Pasta al Forno Bianca Ricetta Veloce Cremosa
Dove mangiare a Roma tipico
Ricetta Torta con Uova di Pasqua Avanzate
Besciamella ricetta veloce e semplice
Gnocchi alla romana ricetta originale
Ricetta Torta al Limone e Mandorle
Cremor tartaro, cos'è, come si usa
Ricetta Biscotti di Pasqua Decorati
Ricetta Biscotti Semplici e Veloci
Ricetta Castagnole Morbide Fritte e al Forno
Ricetta pane fatto in casa
Ricetta Cheesecake Arcobaleno Fredda
Peso alimenti crudi e cotti: la guida con la tabella completa
Amatriciana ricetta originale di Amatrice
Bucarest cosa vedere e dove mangiare
Pancakes ricetta originale americana
Pasta alla carbonara, ricetta originale
Organizzare un viaggio in Irlanda: consigli e dritte imperdibili
Frittelle dolci veloci e semplici senza lievitazione
Tiramisù ricetta originale della nonna
Gnocchi di patate fatti in casa ricetta della nonna
Ricetta Spaghetti Cacio e Pepe Originale Romana
Pinsa romana: ricetta, impasto e informazioni
Tabella conversione unità di misura americane in cucina
Ricetta pizza di Pasqua al formaggio umbra
Ricetta Pastiera Napoletana Originale e Classica
Pizza napoletana ricetta originale semplice
Come fare la focaccia genovese a casa con la ricetta originale
La ricetta facile e veloce dei muffin al cioccolato
Crostata di frutta fresca con crema pasticcera
Ricetta pasta frolla originale della nonna
Ricetta crema pasticcera classica
Supplì di riso, ricetta originale da Roma
Polpette alla romana al sugo, ecco la ricetta
Ricetta crepes dolci e salate
Questo sito usa cookies. Visitandolo accetti la Privacy / Cookie policy